Deumidificatore Olimpia Splendid Secco 16

Spinti da problemi di muffa, condensa ed un umidità costantemente alta presente in casa (> 70%) abbiamo deciso di comprare un deumidificatore portatile da usare in bagno per asciugare i panni e nella zona notte, per evitare il formarsi di muffa sul muro.

Come in ogni cosa quando c’è da spendere preferisco prendermi qualche settimana di tempo per documentarmi e non andare nel primo negozio ad acquistare il primo prodotto in vendita. Così per sport.
Ed è così che ho raccolto: informazioni da vari siti commerciali e non, consigli dai forum, ecc… ed ho messo tutto su una tabella (vedere l’immagine sotto, cliccate per ingrandirla) che mi permette di evidenziare le caratteristiche più importanti, a mio modesto parere, tra cui i consumi, la silenziosità, il peso, i filtri ed i sensori presenti e così via.

Tabella Deumidificatori

Qui la versione su Google.

Alla fine la scelta è ricaduta su un Olimpia Splendid Secco 16, preso a 164€ su Yeppon (ora vedo che il prezzo è salito). Ordinato e passato a ritirare dopo circa 3/4 giorni.

Note positive
i consumi sono minori a quanto dichiarato (232W). L’ho fatto andare 1h in modalità asciugatura panni (praticamente alla massima potenza) ed ho registrato picchi di 212 Watt in pratica 0.18 kWh (con temperatura intorno ai 20°C ed umidità 70-80%);
Testato anche in modalità normale (per 4h con umidità interna a 60-65%, umidità settata a 55%, temperatura 20°C) ha consumato 0.17kWh. Anche se stranamente ha avuto un picco di potenza richiesta di 282W… :-/
– è abbastanza silenzioso, anche se con una leggera vibrazione ogni tanto ma basta spostarlo un po’ per eliminarla.

Note negative
– Rimettere la vaschetta a posto non è proprio istantaneo, ci sono due binari come guida ma l’incastro non so se non è perfetto al 100% o è solo questione di abitudine e serve fare un po’ più di forza…
– Altra nota “negativa”, MADE IN CHINA. Ma sembra sia una cosa in comune con tutti gli altri deumidificatori ormai…

Non posso confrontare i risultati ottenuti dopo le ore di uso: abbiamo svuotato varie volte la vaschetta ma non ho idea dei litri raccolti in un ora.
La stanza dei panni in cui abbiamo messo lo stendibiancheria non era umida come al solito, l’indicatore di umidità del deumidificatore indicava circa 65% ma si sa che il valore è indicativo.
Nel complesso siamo soddisfatti dell’acquisto.

Annunci

Come scegliere il mutuo casa

Come scegliere il mutuo casa

Tempo fa ci abbiamo dovuto farci una discreta cultura in fatto di mutui, leggendo guide su guide. Abbiamo notato, infatti, che non tutte le banche davano le stesse informazioni e per averle spesso dovevamo insistere… In teoria esisterebbe il Prospetto informativo europeo standardizzato ma non tutte sono state così "generose" da farcelo avere.
Insomma, è un bel casino!

Alla fine per cercare di comparare i dati in nostro possesso abbiamo stabilito una serie di domande standard per farci un idea del mutuo e poterlo così confrontare con le offerte delle altre banche.

Quello che vedete è il foglio di calcolo (Excel) che utilizzavamo per prendere nota dei dati, elaborarli e poter, quindi, scegliere il miglior mutuo possibile (leggi: il più economico).

Se siete interessati al nostro documento andate qui per aprir l’originale e salvarne una copia.

In bocca al lupo!

Nidi e mangiatoie per uccelli

Ad opera della sezione della Lipu di Pisa una guida molto dettagliata ed esaustiva su nidi artificiali e mangiatoie per gli uccelli.
Due guide complete per costruirli, posizionarli e rifornirli di cibo… a seconda delle varie specie. O se volete, potete anche acquistarli già pronti all’uso.

L’idea era quella di posizionare una mangiatoia in balcone… ma per ora sono ai primi esperimenti con piante e fiori, quindi credo che se ne riparlerà, ma abbastanza presto.