La gabbia dorata

 

La gabbia dorataFilm angosciante, prima parte quasi noiosa ma poi man mano che prende forma e facciamo conoscenza del gruppo di ragazzi protagonisti vi è un crescendo di colpi di scena, come colpi al cuore.

Quasi un docu-film, molto poco romanzato in cui la disperazione dei molti ragazzi nella stessa situazione si vede nello sguardo perso nel vuoto e nelle cicatrici sui volti e quelle più subdole che si portano dentro.
Film contro il falso mito dell’individualismo.

Persone diverse solo per via del luogo di nascita, mentre poveri e “disperati” vengono sfruttati sempre ed immancabilmente a qualsiasi latitudine.

Da non perdere.

Il trailer:

Annunci

Lucy

Lucy

Spinto dall’esigua durata del film ho deciso di togliermi lo sfizio e vedermi questo film d’azione con protagonista Scarlett Johansson (Vicky Cristina Barcellona, Iron Man 2) che da certi punti di vista è sempre una sicurezza… ma non per la qualità dei film!

Infatti purtroppo questa pellicola di Luc Besson (Wasabi, YakamasiIo vi troverò, Banlieue 13 ), un misto tra Akira ed Il quinto elemento (dello stesso regista), soffre incredibilmente di “spessore”, in quanto il tutto potrebbe essere condensato nella durata di un telefilm e non perderemmo comunque molto.
L’idea di base è attraente, lo svolgimento (azione a parte) no!

Evitabilissimo.

ps. certo che però con il seguito che è stato annunciato… 😀

Ecco il trailer:

La locanda della felicità

La locanda della felicita

Altra buona commedia drammatica da vedere.

Sicuramente piacevole nonostante sia intrisa di buoni sentimenti anche se in realtà il pessimismo e la delusione per la società aleggiano per tutto il film, inframmezzati da qualche situazione ironica.

Molto consigliato.

Ecco una scena:

Sarà il mio tipo?

Sara il mio tipo

Film d’amore e di sentimenti che non ti aspetti.

Un lui che vede forse la storia come un esperimento o stimolo a fare meglio, una lei, invece, una ragazzotta di provincia che forse tanto sprovveduta non è…
Humour molto sottile, finale in crescendo con crisi di panico.

Per me promosso.

Ecco il trailer:

Mommy

Mommy

Quando la società non ti accetta, non ti aiuta, ti emargina e ti prende in giro, l’adolescente del film ne esce confuso, irascibile,… e di contrasto con carattere forte.

Nel film poche persone son veramente felici, vediamo un padre poco presente (e stimolante), un “viscino” (viscido-vicino) buono come ripiego, una severa proprietaria pronta a vendicarsi della “cocca del padrone”.
Le uniche persone veramente felici e libere sono rappresentate dai tre protagonisti, che lontano dai pensieri negativi (a cui ti mette davanti la società e ti condiziona) riescono a ritagliarsi dei momenti di libertà da tutto e tutti.

Ma poi bisogna fare i conti con la vita, che ti mette davanti ad imprevisti e non è nemmeno detto che siano scaturiti da veri e propri errori.

Fa riflettere molto o per lo meno dovrebbe! Per il ruolo che la società ci affibbia e che ci portiamo appresso come una palla al piede.

Bello.

Ecco il trailer:

Io, Daniel Blake

Io, Daniel Blake

Cosa siamo? Consumatori, clienti, sudditi o cittadini?

Siamo parte di un sistema burocratizzato che non aiuta a liberarsi delle catene del nostro stato sociale. Ne siamo consapevoli perché a volte vediamo qualcuno che non ce la fa per nessuna ragione particolare se non essere nel posto sbagliato al momento sbagliato (perdere un lavoro nell’era dell’esternalizzazione, avere una malattia invalidante riconosciuta a metà,…).

In questo film vedremo come alcuni “piccoli” uomini e donne cercheranno di affrontare la cosa, aiutando i poveri che incontreranno, con piccoli gesti. Quanto comunque in loro potere.
Il governo che invece dovrebbe avere ben altri mezzi li farà cadere in un gorgo di burocrazia ed autocommiserazione, denigrando i (presunti) fannulloni e disonesti per le briciole che la democrazia riuscirà a fargli avere.

Ken Loach riesce a farci vedere scorci di realtà divertenti altre veramente toccanti senza esser particolarmente “melenso”, e disegnando un ampia gamma di personaggi che, ormai resi singole entità, cercheranno solo di sbarcare il lunario.

Alla seconda visione ecco che il film raggiunge un certo grado di perfezione.

Imperdibile per tanti motivi.

Il trailer: