invictus

Invictus (regia di

Clint Eastwood _ 2009 _ 133′ _ drammatico)

Il film nasce dal presupposto che tutti sappiano chi è Nelson Mandela. Nel

film si intuisce che il suo percorso lo ha portato a considerare il suo ideale di libertà e democrazia al di sopra di tutto, e la è sua vita dedicata a

questo fine, qualunque siano le conseguenze. Perciò non cede ad anni di prigionia, per questo viene premiato ed eletto come primo presidente nero del

Sudafrica dopo la fine dell’apartheid.

Mandela ha un sogno, ma non vive nell’utopia, cerca un modo concreto per far avvicinare i due popoli del SudAfrica, che hanno diverse

lingue, diverse bandiere e tanto odio, rancore e paure addosso. Il popolo non è assolutamente integrato, ma lui ci crede e per primo dà l’esempio ai suoi

collaboratori ed anche alle sue guardie del corpo. Chi prima si guardava con sospetto imparerà ad apprezzarsi tramite la conoscenza e vicinanza

reciproca.

Mandela non vuole fare gli stessi errori dei governi precedenti, e riconosce che la strada da fare è molta, considerando che la

minoranza bianca ha in mano l’economia.

Lo sport unisce la nazione. Facendo un paragone moderno, chi guardando una partita dell’Italia ai mondiali penserebbe al federalismo?? Bella idea, ma

Mandela ne esce un po’ troppo “calcolatore”. Obbligati a giocare con i bambini poverissimi che vivono nelle case di latta delle periferie, i giocatori di

rugby riescono a farsi amare. Pare comunque che il film abbia ripreso alla lettera i fatti realmente accaduti.

Belle le sequenze finali della partita, si sentono quasi fisicamente e lasciano lo spettatore in sospeso. Regia meno coinvolgente e film meno

appassionante dei capolavori Gran Torino e Million Dollar Baby. Qui Clint fa il suo compitino e lo svolge come sa fare (da

grande) ma ci si aspetta di più da uno come lui.

Film che comunque merita per il messaggio di tolleranza, pace e integrazione che ci lascia. Ricorda un film che Akiro aveva visto tempo

fa e che siamo andati a recuperare, il sapore della vittoria.

C’è da dire che di
Madiba ne servirebbero 100 mila al mondo, perchè una volta che ha lasciato la politica tutto è tornato come prima ed oggi il Sudafrica è

meno integrato e democratico che mai, i politici fanno esercizi di potere rubando ai poveri come prima faceva il vecchio potere.


_______

Annunci

4 thoughts on “invictus

  1. Vero, Clint in questo film ha una regia veramente poco esaltante, ma immagino la storia dietro al film era gia' cosi' potente che si sara' rassegnato a fare il compitino. The Unforgiven (ancora con Morgan Freeman tra l'altro) rimane per me il suo film migliore ;)In Italiano non si sentira' , ma l'accento di Matt Damon e' davvero ottimo!

  2. Vero, Clint in questo film
    ha una regia veramente poco esaltante, ma immagino la storia dietro al film era
    gia' cosi' potente che si sara' rassegnato a fare il compitino.
    The Unforgiven (ancora con Morgan Freeman tra l'altro) rimane per me il suo
    film migliore ;)In Italiano non si sentira' , ma l'accento di Matt
    Damon e' davvero ottimo!

  3. dimenticavo un appunto sul film:"Belle e struggenti le inquadrature sulla vita e le case di latta dei reietti e poveri del paesi, che rimandano ad un altro grande film di tutt'altro genere ma con una simile morale "District 9"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...