Inseparabili (regia di David Cronenberg _ 1988 _ 115′ _ drammatico)

E’ senz’altro il film più particolare che abbiamo visto durante queste vacanze invernali. L’unico "segno del tempo" sono gli arredi, i vestiti e le acconciature, per il resto è un film dalle tematiche senza tempo.

Quando si sono visti un bel po’ di film di tutti i generi, quello che non può mai finir di stupire è la variazione della psiche e con questo intendo sia quel che produce la mente di un regista, sia quel che può produrre la mente di un essere umano, e questo perchè se ci guardiamo dentro siamo sempre a un passo dalla follia e non possiamo sapere quale sarà la goccia che farà cadere il vaso.

Qualcosina sulla trama. _CONTIENE_SPOILERS_ La storia parla di due gemelli identici, insieme fin dall’infanzia che fanno lo stesso lavoro, il ginecologo, e abitano nella stessa casa. Condividono, anche se inizialmente non si capisce se per scherzo o per abitudine, anche le stesse donne fino a quando uno dei gemelli, il più timido, si innamora di una delle prede (che è tale anche perchè ha una malformazione all’utero, è un interesse professionale alquanto morboso); da qui iniziano a venir fuori i problemi di identità; l’altro fratello (apparentemente dominante caratterialmente) non accetta questo distacco e si oppone alla relazione; il fratello innamorato cade in confusione quando la sua donna lo accusa di essersela passata con il fratello, e nonostante un chiarimento, un allontanamento x motivi di lavoro ne causerà la depressione che sfocerà nella caduta nell’alcool, nella droga e in un delirio ginecologico dove la donna viene vista come una mutante da operare. Il fratello innamorato fà costruire da un artista degli strani strumenti metallici per operare le donne mutanti (creazioni della sua mente malata) e prova veramente ad utilizzarli durante un’operazione. Il fratello interviene in sua difesa ma il posto di lavoro è seriamente compromesso; Nel tentativo di salvare il fratello dalla droga quest’ultimo per provare le stesse esperienze pensa bene di drogarsi a sua volta ed entrando in simbioni cerebrale col fratello accetta di farsi separare da lui e questo avviene nel modo più tremendo. Ma chi rimane in vita non si sente per nulla separato e si riunisce al fratello.

FINE TRAMA. Mi sembra ovvio che un percorso simile può esser frutto solo di una mente malata, e la storia potrebbe essere altrettanto efficace tra due amanti, o due fratelli o in un rapporto morboso genitore-figlio. Eppure Cronenberg và a prendere come protagonisti due gemelli; per quanto ne conosciamo tutti per chi è "solo" fratello rimane un "mistero" sapere com’è avere un gemello, si pensa sempre che sia un legame diverso da quello che si ha con un fratello; in  parte è la stessa domanda che si pongono i figli unici nei confronti di chi ha un fratello. In parte però è diverso. I gemelli sono studiati per via del loro patrimonio genetico ed usati come "cavie" x studiare l’ereditarietà del DNA, ereditarietà dei caratteri più disparati (fisici) fino a cercare di trovare un’ereditarietà psicologica studiando la psiche di gemelli monozigoti separati alla nascita (x esempio adottati); allora, sdoganati dalla scienza, perchè non lo può fare un regista? Perchè non spiegare il mistero che potrebbe celarsi nella mente di una persona che specchiandosi di fianco al fratello vede 3 riflessi anzichè 1? (questa scemata l’ho letta da qualche parte!! non ho dubbi che ognuno sia in grado di riconoscere sè stesso); La bellezza del film è proprio cercare la stranezza che è nei ragionamenti di ognuno di noi portata all’eccesso.

Annunci

2 thoughts on “

  1. Pingback: Society – The horror | no! no! no! e no!

  2. Pingback: Cosmopolis | no! no! no! e no!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...