I sogni segreti di Walter Mitty

I sogni segreti di Walter Mitty Ottimo film, consigliatissimo per buoni sentimenti, paesaggi e la regia.

Quando usci ne avevo sentito parlare anche abbastanza male ed avevo evitato una visione al cinema. Poi su consiglio l’ho recuperato e devo dire che me lo riguarderei volentieri.
Sicuramente non aggiunge molto al panorama cinematografico, con i cliché dello “sfigato” preso di mira dai colleghi, i sogni di rivalsa,… ma è un film godibile che va visto senza la pretesa di vedere l’ennesimo film “comico/stupido” di Stiller (Una notte al museo, …e alla fine arriva Polly).
Fa anche venire voglia di girare il mondo.

Da vedere.

Il trailer:

The Hitcher

The Hitcher Purtroppo in tv passano sempre i soliti film e spesso sono delle porcherie. Legge confermata con questo The hitcher, remake di un film di qualche decade fa’ ed ennesima porcheria senza capo ne coda.

All’inizio pensavo fosse un “King d’annata”, poi ho sperato con tutte le mie forze che non fosse realmente tratto da uno dei suoi film. Infine dato il numero di lacune e assurdità della trama ne ho avuta la certezza.

Si salva solo Sophia Bush…………….. ;P

Da evitare come la peste.

Se proprio proprio proprio proprio proprio volete il trailer:

Alta Fedeltà

Alta Fedeltà Visto il “vecchissimo” (lo so, è del 2000 ma gli anni della pellicola si vedono tutti 🙂) Alta Fedeltà, tratto dall’omonimo libro di Hornby, con un giovanissimo John Cusack (La sottile linea rossa) che ho trovato divertente.
Dei rimandi alla musica non ho capito “un acca” ma il racconto ha un taglio interessante.
Certamente la tematica dell’amore è pluri-abusata eppure il punto di vista e la sceneggiatura sono il punto forte di questo film.

Consigliato.

Ecco il trailer:

12 anni schiavo

12 anni schiavo Dopo parecchio tempo dall’uscita al cinema son riuscito a vedere questo chiacchierato e pluripremato film di Steve McQueen anche se mi sarei aspettato un film meno lineare.
Molto bello, per carità, ma non c’è molta suspense e tutto scorre via fin troppo prevedibilmente, sebbene sia duro, crudo e questo reca un certo “fastidio” visto che siamo inermi proprio come i protagonisti e le loro persecuzioni.

Sicuramente da vedere, ma non parlerei di oscar.

Ecco il trailer:

Il ruggito del topo

Il ruggito del topo

Un Peter Sellers agli albori in una commedia che ha più di un parallelo con il capolavoro “Dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba” uscito 5 anni più tardi.

Qui vediamo Sellers interpretare ben 3 personaggi, in una commedia che vuole essere si leggera ma con un preciso messaggio pacifista.
Strappa qualche risata su un argomento sempre attuale e fa capire quanto poco il mondo sia cambiato, puntando il dito ed evidenziando l’inefficienza di diplomatici, politici ed altr solite forme espressioni di potere.

Simpatico ma non trascinante.

Il trailer in inglese:

It’s Such a Beautiful Day

It's Such A Beautiful Day Trilogia di Bill ad opera di Don Hertzfeldt.
Film d’animazione molto particolare, con personaggi stilizzati, disegni veloci, semplici, nervosi… l’inizio è il più spaesante dato che non si riesce a trovare un filo conduttore e la narrazione è un po’ più serrata, inoltre dovendo leggere i sottotitoli tutto ciò non aiuta.
Via via che si va avanti però il film acquista un suo senso (o meglio molteplici), uno ad esempio può essere il senso d’impotenza che ha l’uomo di fronte alla grandezza vita.

E’ un approccio un po’ particolare alla narrazione ma le istantanee di Bill sono spesso irriverenti ed hanno un che di filosofico e saggio che credo possano piacere a molti.

Consigliato, se riuscite a trovarlo…

Il trailer in inglese: